ANDREA DEI CASTALDI
ANIME BREVI

 

12×19 cm, 228 pp.
brossura cucita con bandelle
qzerty/qwerty, 22
ISBN 978-88-98462-24-7
13 euro

acquistalo su Tabook
(sul sito e in libreria a giorni)

«Il regno del sentimento in antitesi a quello della ragione»: così Thomas Mann descriveva il Tristano e Isotta di Wagner. In questo romanzo proprio il capolavoro del romanticismo tedesco replica il suo esercizio di passione impossibile, agitando i fili che muovono i protagonisti di una vicenda le cui radici affondano in una vita «fin troppo lunga, per chi ha perduto l’anima e le sopravvive».
Sul palcoscenico della provincia rampante degli anni Ottanta, intorno alla riapertura del Comunale varata dall’epopea wagneriana, salgono la scenografa Greta, convinta che un fiore di tarassaco rappresenti «tutto ciò che si può dire sull’amore»; sua sorella Irene, autrice del progetto del rinato teatro, e il marito costruttore, Marcello; Pietro, malinconico proprietario della liuteria Casali, e la moglie Cecilia, erede di una dinastia di cavatori; e poi il violento Manuel, il politico Bozzetto e una multiforme teoria di comparse, primi attori e spettatori.
Dietro le quinte qualcuno trama per tessere altrimenti le vite di tutti, e qualcun altro accentra e modifica ogni cosa semplicemente esistendo.
E mentre tutto pare scivolare «ogni giorno di un passo / nel fetore delle tenebre», ognuno dovrà chiedersi se sia davvero necessario «dare un nome a ciò che dà un senso a una vita, o a una morte», sapendo che «in un camposanto nessuno guarda mai il cielo».
Nessuno, tranne forse i bambini. 

Andrea Dei Castaldi vive nel borgo trevigiano di Asolo. Ha pubblicato con Barta i romanzi  Finistère (2013) e La cesura (2015).

 

«Molte pagine di Anime brevi le ho scritte durante un lungo soggiorno a Buenos Aires. Ogni mattina andavo al Parque Lezama, sulle tracce di Ernesto Sabato, forse aspettando di incontrare la mia Alejandra. Ogni volta incontravo invece Greta, Pietro, Irene, e tutti gli attori di una storia che ancora una volta narrava il conflitto tra volontà e destino. I pomeriggi li passavo tra i negozi di antiquari e le vecchie librerie di San Telmo. Fingevo già allora di non sapere che, una volta ritornato a casa, della mia vecchia vita niente sarebbe rimasto lo stesso».

Il gallo che squilla nel latte dell’alba crede che il suo canto generi il sole; il bambino che urla in una camera chiusa crede che le sue grida facciano aprire la porta; ma il sole e la madre vanno per le vie tracciate dalle leggi del loro essere.

Daumal

San Giuliano Terme ordini@barta.it
Clicca qui sotto e acquista i nostri volumi su Tabook.
Spedizione gratuita con corriere GLS a partire da 16 euro di spesa.